Perché gli Stati Generali della Scuola?

Convegno “Rimettere al centro la Scuola”, Torino, giugno 2018

Il progetto “Stati generali della Scuola” nasce in Unialeph nell’estate del 2018 con il convegno “Rimettere al centro la Scuola” finalizzato a dar voce al sentito bisogno di ricondurre la Scuola Italiana, un tempo presa a modello qualitativo della formazione a livello internazionale, sotto l’alveo della Costituzione Italiana.
Con le riforme scolastiche degli ultimi decenni ed in particolare con la riforma della Buona Scuola (Legge 107/2015), sono infatti stati inferti alla Scuola Italiana colpi mortali che l’hanno portata ad una rapida decadenza in termini qualitativi e formativi, non solo per gli Studenti ma anche per gli Insegnanti, categoria che è stata posta tra l’incudine e il martello, ossia tra le strettoie e gli appesantimenti burocratici imposti dalle Istituzioni da un lato, e la relazione con le famiglie, a loro volta vittime di trasformazioni economiche e sociali che impongono enormi sacrifici e difficoltà talvolta insuperabili (orari lavorativi, contratti precari, tassazioni elevate…), aspetti che non facilitano ovviamente l’armonia famigliare di cui i figli necessiterebbero per la formazione di una psiche equilibrata.

Il 7 luglio 1947, Aldo Moro presentò un ordine del giorno con una proposta molto precisa:

Tutte le scuole, di ogni ordine e grado, hanno il compito di insegnare i nuovi valori costituzionali sui quali si basa la nuova società.

L’ordine del giorno fu approvato all’unanimità dall’Assemblea Costituente.

Oggi, le linee direttive imposte dall’alto, spesso contro la volontà di moltissimi Insegnanti e Dirigenti, portano la scuola e l’università ad adempiere ad un compito opposto a quello costituzionale: non si educa alla cooperazione, all’empatia, alla solidarietà, ma alla competizione neoliberista, alla lotta di tutti contro tutti.

L’educazione dell’anima è stata sostituita dal rafforzamento dell’ego e delle sue propensioni antisociali.

Oggi non si educa dunque alla salute, ma alla patologia.

Introduzione al progetto degli Stati Generali della Scuola, maggio 2018

In seguito all'epidemia del Covid19, le linee scelte dal governo per la gestione dell'esperienza scolastica, imprimono un'ulteriore colpo mortale ad un corpo già altamente sofferente. Pur riconoscendo la situazione come non facile da gestire, è evidente che le scelte operate non siano adeguate al bene degli Studenti, né degli Insegnanti.
Riteniamo dunque fondamentale ed urgente un ripensamento immediato delle condizioni pedagogiche, educative, formative e relazionali imposte.

Gli Stati Generali della Scuola nascono con l'intento di dare voce e coordinare tutte quelle realtà attualmente esistenti in grado di rilanciare la scuola nel ruolo che la Costituzione, con sguardo lungimirante e profetico, previde per lei:

Provvedere all’educazione nonviolenta dei cittadini e al progresso etico spirituale del Paese.
Garantire il diritto alla conoscenza e all’espressione di sé, in modo autentico, originale e creativo, premessa indispensabile allo sviluppo dell’intelligenza affettiva, emotiva, relazionale e spirituale.
Promuove l’etica dello studio e della ricerca, fondata sul piacere vitale di conoscere se stessi e il mondo, liberando la propria mente da ogni condizionamento distruttivo.
Essere pubblica, libera, democratica e accessibile a tutti.

Indice dei materiali

Per una Scuola della dignità

Discorso di Solange Hutter, dirigente scolastica. Marcia della Liberazione 10/10/2020 Roma Sono qui non per negare, bensì per affermare. Affermo il diritto costituzionale e umano della libertà e dell’istruzione di …

Questa non è più scuola, è paura.

La lettera commovente di una maestra ai suoi alunni DISTANZIAMENTO ASOCIALE: ULTIMO ATTOOggi abbiamo passato 2 ore in collegio plenario a cercare di capire come ci si doveva comportarenel caso …

Convegno “Dall’Emergenza Scuola all’emergere dell’Anima” |Torino, 9-10 giugno 2018

Il convegno “Dall’Emergenza Scuola all’emergere dell’Anima” fu il primo evento ufficiale Unialeph relativo al mondo scolastico italiano, finalizzato a dar voce al sentito bisogno di ricondurre la Scuola Italiana, un …